Nuove aule multimediali a Palermo

Nuove aule multimediali a Palermo

aula-multimediale-unipa1-400x215

Nuove aule didattiche multimediali all’Università di Palermo. In totale 181 nuovi personal computer e 18 terminali leggeri a disposizione degli studenti grazie al progetto integrato che ha riguardato anche il potenziamento della rete wireless di Ateneo e il potenziamento della infrastruttura tecnica (rete e server) per il supporto, la gestione e la virtualizzazione dei desktop remoti. Si tratta dell’Aula F110 nell’edificio 8 (Ingegneria) e dell’Aula 3.4, nell’edificio 14 (Architettura). Domani saranno invece inaugurate la Sala IV del Circolo giuridico, all’interno dell’ex Convento dei Teatini in via Maqueda e l’aula didattica multimediale annessa all’aula Stellino nel complesso didattico di via Parlavecchio, nella Scuola di Medicina.

Aule attrezzate per l’utilizzo in attività didattiche pratico-teoriche e come luogo destinato agli studenti per attività generiche di studio;

Un progetto finanziato dall’Ateneo  per migliorare e potenziare i servizi destinati agli studenti. Durante l’inaugurazione sono presenti il rettore Roberto Lagalla; il direttore generale Antonio Valenti; il presidente della Scuola politecnica Fabrizio Micari con il vicepresidente Maurizio Carta; il dirigente del Sistema informativo di Ateneo, Massimo Tartamella; l’ingegnere Salvatore Vitabile, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle Informazioni del dipartimento di Biopatologia e Biotecnologie mediche, responsabile del progetto.

Sono state completate e attivate anche due aule didattiche multimediali: il Lab 1 e il Lab 4 in viale delle Scienze, edificio 12, per un totale di 55 postazioni, configurate utilizzando i personal computer già disponibili in l’Ateneo, con limitate capacità di calcolo, ma utilizzabili in modalità virtuale come terminali remoti. Infine, sono stati attrezzate, come spazi tecnologici, l’Aula multimediale A e l’Aula multimediale B, nel Polididattico di viale delle Scienze.

Considerato il numero elevato di nuove postazioni sono state scelte unità centrali e monitor a basso consumo energetico, in modo da ridurre e ottimizzare i relativi costi di esercizio

 

Michela D'Alessandro